• Confcommercio: terziario a Pistoia piegato dal Covid


    03/11/2020 - L'associazione chiede ristori immediati per le imprese danneggiate con il lockdown

    Confcommercio: terziario a Pistoia piegato dal Covid

    Il 67% delle imprese del settore terziario in provincia di Pistoia non reggerebbe un nuovo lockdown.

    La stima è di Confcommercio che riferisce, per la prima volta in 10 anni, di segno meno per il turismo.

    Le imprese del terziario nel pistoiese sono 16mila e i numeri – ha scritto l’associazione in un comunicato – sono del “47% delle attività del settore che rischia la cessazione con il 55% degli operatori che ammettono di essere in difficoltà nel rispettare le scadenze fiscali”.

    A fronte di questa situazione Confcommercio torna a chiedere che i danni subiti dalle aziende per l’emergenza Covid siano ristorari adeguatamente e tempestivamente”.

Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, clicca su "consento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies consulta la nostra Informativa Cookies. OK